Negli ultimi anni, insieme al neologismo FinTech, sta rapidamente avanzando anche un altro nuovo termine: quello di RegTech. Si tratta di una parola che fonde il concetto di regulatory con quello di technology. La novità è ben conosciuta dal mondo dei servizi finanziari che, negli ultimi dieci anni, si è dovuto confrontare con l’esigenza di arrivare, attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie, a gestire al meglio il grande flusso di istanze normative e di regolamentazione.

 

Con l’aiuto degli specialisti del RegTech, che sfruttano le nuove tecnologie per gestire, in maniera agile ed efficace, le enormi banche dati degli istituti bancari e assicurativi, l’attività così detta di regulatory management diventa più semplice. L’obiettivo è quello di creare processi standardizzati, su misura della banca o della compagnia assicurativa, in modo da accelerare tempi e ridurre costi. Per riuscirci, gli specialisti del RegTech sfruttano approcci altamente innovativi come quello dei big data, robotics, soluzioni applicative completamente integrate e allineate agli standard normativi.

 

FONTE: Wall Street Italia