È in programma il prossimo 3 marzo a Roma (presso il Centro Convegni Banca d’Italia – Via Nazionale 190 – Accesso con invito) la 2^ Conferenza Solvency II e contesto di mercato, organizzata da IVASS sotto il titolo “Rischi e opportunità nel ‘nuovo mondo’: riflessi e prospettive per le compagnie di piccola e media dimensione”.

 

Per quanto riguarda il “nuovo mondo” indicato dall’Istituto nel titolo della conferenza, sono tre i fattori che lo caratterizzano:

  • Un sistema di vigilanza prudenziale “esigente” sotto il profilo dei requisiti quantitativi, qualitativi e informativi, che presenta (ancora) importanti questioni aperte/incertezze applicative (complessità, convergenza, proporzionalità anche nella prospettiva della programmata revisione della formula standard);
  • Condizioni macroeconomiche e di mercato sfidanti per lo sviluppo produttivo e la sostenibilità/redditività del business;
  • La rivoluzione digitale che rappresenta, allo stesso tempo, una leva per creare valore e una minaccia al modo tradizionale di fare assicurazione.

“Al centro del dibattito, sempre più acceso a livello internazionale e nazionale – spiega IVASS nella nota di presentazione –, come e in che misura questa combinazione di elementi sia destinata a incidere su modelli di business, strategie di crescita di medio-lungo periodo e, in prospettiva, sulla struttura stessa del mercato assicurativo, sul suo ruolo nell’economia e sulla natura dei servizi offerti”.

 

Obiettivo della seconda Conferenza IVASS è porre al centro della discussione il segmento delle piccole e medie imprese assicurative. Quali rischi e opportunità per loro nel “nuovo mondo”?

 

Una riflessione a tutto campo – evidenzia l’Istituto – e un confronto con le esperienze internazionali su un comparto dimensionale di indiscussa rilevanza in Europa come in Italia: “per evidenti ragioni prudenziali, per l’efficienza generale del mercato, per la protezione dei consumatori”.

 

Dopo il saluto di benvenuto di Salvatore Rossi, presidente IVASS – e l’apertura dei lavori da parte di Gabriel Bernardino, Presidente EIOPA – la Conferenza si articolerà in due sessioni: la prima focalizzata sulle esperienze internazionali, di business e di regolazione; la seconda, i cui lavori saranno aperti da Maria Bianca Farina, presidente ANIA, con focus sulle specificità del mercato italiano.